Parco Nazionale della Sila: finisce l'era del poltronismo


Il ministro dell'Ambiente, Sergio Costa, ha chiesto un incontro al governatore della Calabria, Gerardo Mario Oliverio, per superare l'attuale fase di commissariamento del Parco nazionale della Sila.

L'ho appreso dalla risposta del ministro ad una interrogazione che ho sottoscritto del collega Giuseppe D'Ippolito, con cui avevamo posto il problema della lunga gestione commissariale dell'ente, riconducibile ai governi precedenti, e della mancata conclusione dell'iter per la Valutazione ambientale strategica relativa (Vas) al Piano del Parco, avviata addirittura l'anno scorso dalla Regione Calabria.

Nell'atto parlamentare avevamo riassunto le pesanti osservazioni formalizzate dal Ministero dell'Ambiente il 21 novembre 2017, in relazione ai contenuti della documentazione posta in consultazione per la Vas, in cui si legge che «sia l’impianto strategico del Piano del Parco nazionale della Sila, ma soprattutto quello del suo Piano pluriennale economico e sociale, sia le valutazioni riportate nel Rapporto ambientale, non fanno alcun riferimento diretto all’implementazione di modelli di gestione e di cooperazione di area vasta che dovrebbero coinvolgere anche le aree limitrofe al Parco al fine di perseguire gli obiettivi fissati nel programma approvato dall’Unesco attraverso nuovi modelli (anche sperimentali) di governance e di partenariato».

Dunque il ministro Costa si è attivato al voto per il futuro del Parco Nazionale della Sila, su nostra richiesta interrompendo la prolungata e intollerabile inerzia dei governo nazionale e regionale di centrosinistra, che finora hanno voluto che il Parco fosse un ente pressoché inutile e lontano anni luce dallo sviluppo del territorio, come provano i tremendi ritardi sulla programmazione e la poltrona garantita per anni a un commissario perfino candidato del Pd al Senato, in occasione delle ultime elezioni politiche.

Adesso si cambia tutto, nell'interesse della comunità e del territorio.

*tratto dal post di Giuseppe D'Ippolito membro della Commissione Ambiente alla Camera dei Deputati